Home Cronaca Cronaca Venezia

L’attività 2023 del Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica nel Veneto

0
CONDIVIDI
Polizia Postale (immagine di repertorio)

Il Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica – Polizia Postale Veneto, insieme alle sei dislocazioni periferiche delle Sezioni Operative per la Sicurezza Cibernetica nei capoluoghi provinciali del Veneto, ha contribuito in modo significativo alle attività istituzionali nel corso del 2023.

Nel delicato ambito dei reati contro la persona, sono stati trattati 154 casi di Pedopornografia, con 43 arresti e 125 soggetti denunciati. Di rilievo sono state anche le segnalazioni di associazioni attive nella tutela delle persone, oltre alle operazioni sotto copertura a Mestre.

Sono state identificate 11 vittime di adescamento di minori, in prevalenza nella fascia 10-13 anni. Nel settore delle minacce online, sono stati trattati 102 casi, con 22 soggetti denunciati e 13 perquisizioni.

Nei reati di Financial CyberCrime, si sono registrati 323 episodi con 30 persone denunciate e 6 perquisizioni, incluso il sequestro di spazi virtuali e l’inibizione di siti di e-commerce per la vendita di marchi contraffatti. Le truffe, come il Trading online e le truffe sentimentali, hanno totalizzato 1007 episodi con 90 indagati e 26 perquisizioni.

Nel campo del “Computer Crime”, sono stati trattati 1372 episodi di attacchi informatici, con 19 soggetti denunciati e 6 perquisizioni. Sono stati monitorati 481 spazi virtuali per vari reati informatici.

Sono stati segnalati 1632 alert informatici subiti da aziende, con reati come il possesso di apparecchiature dannose, rilevazioni di segreti professionali e diffamazione.

L’attività ha coinvolto anche la lotta ai fenomeni eversivi e terroristici online, con comunicazioni rilevanti agli organi investigativi superiori.

Le collaborazioni istituzionali, attraverso il “Protocollo d’intesa per le infrastrutture sensibili del territorio”, hanno coinvolto enti e istituzioni, promuovendo scambi di informazioni e formazione per la sicurezza delle strutture informatiche.

Nelle scuole, la Polizia Postale ha interagito con 20.147 studenti, 932 docenti e 2178 genitori, attraverso iniziative informative e formative, come “Una Vita da Social”, “Cuori Connessi” e eventi legati alla sicurezza su internet e all’orientamento professionale.