Home Cronaca Cronaca Venezia

L’ITALIA SI FERMA. AL VIA LO SCIOPERO DOMANI. STASERA INIZIANO I PRESIDI

1402
CONDIVIDI
presidio italia si ferma metre

presidio italia si ferma metreVENEZIA. 8 DIC. Lo sciopero e le proteste cominciano domani mattina, lunedì 9 dicembre, ma i preparativi sono già in corso e “L’Italia si ferma” si comincerà a manifestare sotto forma di presidi e appostamenti già da questa sera.

Al tutto si aggiunge il blocco, a partire da questa sera, dei trasportatori aderenti ad alcune sigle sindacali.

Si tratta di un maxi sciopero, una “disobbedienza passiva” che catalizzerà privati cittadini e lavoratori davvero stanchi di “questa politica centralista a fini europeistici”.

Le economie sono in ginocchio e scevro da ideologie politiche e partitiche il popolo scende in piazza in modo pacifico ma con fermenti anti-Stato.

La miscela può essere esplosiva con piccoli imprenditori, trasportatori e contadini che vivono in vista di povertà e con il “cappio al collo” che subiscono “regole” di mercato, magari imposte dalle Ue o soggetti, come i trasportatori, ad una concorrenza senza regole che viene soprattutto dai Paesi dell’Est. Segue su Veneto Notizie

In Veneto “L’Italia si Ferma” avverrà in tutta la regione: a Padova, a Conegliano Veneto, Silea, Mestre, Chioggia, Verona, Ponte delle Alpi, Soave.

I sette gruppi di coordinamento hanno confermato 19 presidi nei punti strategici del Veneto, nei pressi degli svincoli autostradali, nei porti, ma anche nelle piazze.

“Questo governo, questi politici non ci rappresentano più ed è meglio che se ne vadano. Se non se ne vanno andremo oltre”, dice Lucio Chiavegato, presidente di Life Veneto e promotore del 9 dicembre.

Tante le associazioni che partecipano all’iniziativa: I Liberi imprenditori federalisti europei, Life, Azione rurale Veneto, i Comitati riuniti agricoltori, Cra, il Cospa, i Comitati spontanei allevatori (Cobas del latte), i Forconi.

Per i trasportatori, loro precisano che si tratta di un’azione programmata da tempo, Aitrans, Maa, Azione nel trasporto italiano e anche Trasportounito. Proprio questa categoria al momento è quella più “temuta” in grado di bloccare tutti gli aprovvigionamenti della penisola. (nell’immagine di google maps: il luogo dove a Mestre avverrà il presidio).

I gruppi di coordinamento del Veneto.

Gruppo coordinamento Portogruaro: https://www.facebook.com/groups/1392029327706265/

Gruppo coordinamento Treviso: https://www.facebook.com/groups/1479156475642875/?notif_t=group_admin

Gruppo coordinamento Venezia-Mestre: https://www.facebook.com/groups/9dicembre2013/

Gruppo coordinamento Padova: https://www.facebook.com/groups/1433183670243394/

Gruppo coordinamento Vicenza: https://www.facebook.com/groups/596118470456752/?fref=ts

Gruppo Treviso-Belluno: https://www.facebook.com/groups/giancasv/

L’elenco aggiornato di tutti i presidi per città: https://www.facebook.com/events/559316560820255/?ref=ts&fref=ts

Comments are closed.